Le danze che verranno presentate copriranno l'arco di tempo di 300 anni circa. Dalle prime forme della danza nobile si passera a raffinate ed astratte BASSEDANZE (come Pazienza, Cupido, Fortunosa) riservate ai nobili fin dalla meta del secolo XV, associate molto spesso ai BALLI piu pantomimici (Lioncello, Amoroso, Spero) e alle DANZE del tardo 500, coreografie piu elaborate e ricercate in senso esteriore (Pavane e Gagliarde, Barriera, Contrapasso Nuovo, Brando di Cales).
Seguira la danza barocca del XVII secolo per completare e coronare il quadro di danze del Rinascimento, cosi come gli affreschi barocchi rifinivano e perfezionavano l'armonia architettonica dei palazzi dell'epoca precedente.
La giustificazione artistica e storica dell'accostamento della danza rinascimentale a quella barocca deriva dal fatto che i principi della danza del tardo rinascimento italiano aprirono la strada al virtuosismo individuale, che trovo la sua massima espressione nella Francia del Re Sole.

*****

I balli e le bassedanze del XV sec. che Accademia di Danza Antica presentera al pubblico bolognese, sono state tratte dai manuali di Domenico da Piacenza e di Guglielmo Ebreo, mentre le danze cortesi del XVI secolo provengono dai manuali di Marco Fabrizio Caroso e Cesare Negri.
Le coreografie delle danze barocche, invece, sono state ricostruite sulla base del manuale di danza del Maestro Feuillet, 1700 Parigi, e della letteratura fatta di appunti, di corrispondenze, di trattati morali e di prontuari pratici che venivano divulgati e pubblicati non solo nei grossi centri ma anche nelle corti di minore importanza.

*****

I corsi di danza rinascimentale e barocca avranno l'obiettivo di preparare i danzatori e accoglieranno tutti quelli che vorranno divertirsi e imparare a ballare (senza nessun limite d'eta e senza nessuna preparazione di base specifica richiesta) per far divertire poi gli altri, ballando alle feste di corte che saranno ricostruite e messe in scena dall'Accademia di Danza Antica.

Anna Banasiak

previous page